Buon compleanno Volta

Con altri attivisti del meetup di Como e Cantù al termine della riunione organizzata per l’occasione nel centro civico di Camnago Volta  18 febbraio, ho celebrato l’anniversario di nascita del nostro celebre concittadino, tale Alessandro Volta, presenziando davanti al suo sepolcro monumentale.

Nel clima di intimità che offre la notte e nella penombra creata dalle morbide luci del cimitero abbiamo tutti insieme ricordato le sue invenzioni più celebri: mi sono affiorati ricordi scolastici ,le visite didattiche al suo museo con le maestre che ci descrivevano i suoi esperimenti con le “zampe di rana”.

Sapevate che  nell’area verde della Valbasca si trova uno degli stagni dove Volta raccoglieva le rane per i suoi esperimenti?

Alla prossima passeggiata domenicale in quelle zone, ricordatevelo.

Personalmente ricordo di essere entrato nella casa di Volta quando ai tempi era in affitto ad un gruppo di avvocati:

usavano la sua sala da bagno ,rubinetti e vasca di prestigio con due secoli di storia, praticamente un museo senza custode e senza biglietto d’ingresso, come locale per l’archivio cartaceo!

Solo in Italia capitano queste cose mi dicevo.

Ieri ,quindi, è stata una splendida occasione per celebrare un grande italiano, un grande scienziato conosciuto e stimato in tutto il mondo. Con grande orgoglio.

Peccato che il valore del nostro estro,della nostra creatività ci debba essere riconosciuto quasi sempre all’estero e non a casa nostra. Come non cambiano i tempi!

La tecnologia del nostro pianeta, ricordiamocelo , è “alimentata” dai suoi lampi di genio, dalle sue intuizioni.

La città di Como è stata la “Silicon Valley” del XIX secolo

e la stessa Silicon Valley, dalla lontana California, con una delle sue aziende di prestigio, Google, ha pensato bene di ricordare il nostro illustre mettendo come immagine commemorativa al suo motore di ricerca la “Pila di Volta”.

Ogni giorno in tutto il mondo Volta è presente, ogni volta che inseriamo la spina in un presa:

il “Volt” è l’unità di misura universale della tensione elettrica.

Nelle nostre auto, nei nostri cellulari, l’energia arriva da pile, batterie : stiparla attraverso un processo chimico fù una sua idea.

Il primo condensatore elettrico ,parliamo di componenti comuni nella elettronica in generale, fù opera di Volta: anni dopo Faraday riprese i suoi studi e ne prosegui la ricerca. 

Volta fù il precursore della illuminazione a gas con la sua “lampada perpetua” e dell’accendino elettrico: la prossima volta che accendete il gas in cucina ricordatevelo.  

Fù insignito della “Legione d’onore” da Napoleone Bonaparte.

E’ stata purtroppo un’altra occasione persa dalla nostra città, dal nostro paese, per celebrare degnamente un nostro cittadino tanto illustre. Nessuno è profeta in patria si usa dire!

La nostra astronauta, scienziata, Samantha Cristoforetti dall’orbita terrestre, almeno lei

si è ricordata  dell’avvenimento immortalandosi con alle spalle le batterie della stazione spaziale internazionale.

Alla nostra astro-Samantha siamo veramente grati.

Per tornare sul pianeta terra e più precisamente su un ramo del lago di Como

potremmo citare qualche situazione per mostrare la mancanza di affetto della nostra giunta comunale per il nostro celebre scienziato:

  • il tempio Voltiano che crolla nonostante la sua recente ristrutturazione
  • oggetti dal museo Voltiano trafugati con troppa facilità (ma vi importa tutelare questi tesori?)
  • questa arroganza di imporre un monumento, un altro, alla nostra città , forse perché ne abbiamo pochi, dite per commemorare il nostro Alessandro forse e più probabile che sia per celebrare una archistar che gode di buone frequentazioni cittadine?

 

A Como con la vostra disattenzione, disaffezione “avete rotto la pila” spegnendo quell’energia e quella visione prospettica che Volta ci aveva insegnato!

 

Grazie per il tuo lavoro Alessandro, ancora buon compleanno e un infinito e sincero grazie.. e per quest’anno ti lasciamo a Riposare In Pace…a riveder le stelle.

Angelo Orlando

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*



*