Fenice, mala fenice, camaleonte, idra – 1° atto

fenice2

PRIMO ATTO

(1980 circa, 1994)

 

Come nelle rappresentazioni medioevali la disfatta e conseguente caduta in disgrazia del principe ha coinvolto i vassalli e a seguire, come un infinito cadere di tessere di un domino, tutti i sottoposti.
Come il fiume in piena che trascina a valle i detriti indifferentemente dal peso, dalla lunghezza, dalla materia di cui sono composti, tutto si sta sgretolando innanzi alla nuova pressante richiesta di trasparenza e onestà da parte dei cittadini.
La Prima Repubblica si e’ chiusa, di fatto, fra fischi e lancio di monetine fuori dal hotel Raphael, un processo in cui sono comparsi come imputati i maggiori segretari ed esponenti di quella classe politica accusata, giustamente come hanno poi dimostrato le sentenze di condanna, di tangenti, di furti e di ricatti.
Durante questa confusa fase, durata circa due anni, si e’ assistito ad un susseguirsi di suicidi, condanne e fughe di rei in paesi amici ove rifugiarsi in latitanza.
Molti si auspicavano che con l’avvento della Seconda Repubblica, con la comparsa sulla scena di nuovi attori, si facesse tesoro degli errori fatti in precedenza per ridare alla politica, quel nobile ruolo che dovrebbe ricoprire in ogni società ben ordinata ed in particolare in ogni democrazia moderna.
Erroneamente ci si era illusi che la mala politica, si fosse autodistrutta per la sua avidità e smisurata sete di potere. Ci si era illusi che finalmente si fosse posta la parola “fine” sul periodo da tutti considerato come il più buio del nostra democrazia nata dal referendum del 1948.
Chi sperava che con il grande processo che coinvolse tutto il
malaffare dei partiti, con le condanne emesse, e il conseguente
senso di riprovazione morale per corrotti e corruttori, si fosse posta
definitivamente la parola fine su quel modo di fare politica, infarcita
di clientelismo e di malaffare molto presto si è dovuto
dolorosamente ricredere.
Ora, purtroppo, sappiamo che si trattò solo di una illusione: non
solo come una mala fenice era risorta dalle sue stesse ceneri la
vecchia politica corrotta e clientelare, ma con incredibile abilità
camaleontica si era trasformata in una idra, un mostro molto più
pericoloso, più infido, più pervasivo e inafferrabile.
Se chi era stato sconfitto giuridicamente lo doveva al fatto di aver
impiantato in essere un sistema fatto di tangenti e ricatti, coloro che
pur collusi sopravvissero indenni alla rivoluzione giudiziaria di
tangentopoli si ripresentarono in scena nel secondo atto
dimostrandosi ancora più avidi e di gran lunga più abili a celarsi
sotto apparenze democratiche dei primi.

…to be continued

About Luca Ceruti (431 Articles)
Ex Consigliere Comunale Comune di Como

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*



*