Papa Gianluca

Sono un ragazzo di 29 anni appena compiuti, con un carattere vivace, dinamico e moderato. Con un trascorso adolescente negli scout diretta alle prime esperienze sociali di questa società. Partecipato al Giubileo di Roma del 2000 dove mi sono confrontato con moltissimi giovani che condividevano uno stesso valore e ideale ho appreso che cosa volesse dire l’unione per qualcosa e come si può manifestarla e soprattutto essere parte attiva.
Nel conseguimento del diploma di maturità, come Tecnico dei Servizi Turistici, in parallero incominciavo a conoscere il paese Italia che offre lavoro a ragazzi adolescenti in cambio di un buon servizio a basso prezzo e un utile per l’azienda con relativa evasione delle tasse e regole.
Nella seconda fase della crescita e delle relazioni sociali e politiche ho fatto quello che il governo e Elsa Fornerio chiedeno oggi cioè di prendere armi e bagagli e partire. Sbarco a Bologna dove frequento l’università di Giurisprudenza e che nel contempo lavoro come Consulente Immobiliare, con relativa apertura della partita Iva. Nel 2007 incomincio a seguire Beppe Grillo e il suo movimento di Bologna fino a che nel Marzo del 2008 feci il passo in avanti con l’iscrizione al meetup di Bologna e ad essere un membro attivo del movimento cioè che avevo anche il diritto di voto sulle questioni messe in votazione.
Nel settembre del 2010 fino ad Aprile del 2011 mi sono trasferito a Milano perchè ho iniziato il praticantato come Consulente del Lavoro e in questo arco di tempo ho partecipato a qualche riunione del movimento di Milano ma qui non ho avuto una assidua affluenza perchè le riunioni del movivento erano molto accese dato che erano in prossimità delle elezioni. Nell’Aprile del 2011 mi sono trasferito per motivi economici a Como, dove qui abita mio fratello grande da oltre 4 anni. Ho continuato le mie attività di Consulente del lavoro e di attivista al movimento di Como. A settembre di quest’anno sempre per motivi economici ho dovuto cambiare lavoro, perchè fare il praticantato in questi tempi vuol dire non prendere nemmeno duecento o trecento euro per otto ore di lavoro assidue. Attualmente da settembre a oggi svolgo l’attività di Meccanico presso lo stabilimento Sika di como con un contratto di somministrazione di lavoro a tempo Determinato.
Non ho mai smesso di credere nel movimento e nella forza che ha il movimento visto i risultati che hanno ottenuto prima il movimento di Bologna e poi quello di Milano.
Dobbiamo entrare nel sistema e scardinarlo. Dobbiamo prenderci ciò che è nostro. Noi dobbiamo decidere il nostro futuro.

Scrivi un commento