Attenti al lupo!

Cari Amici

Parlando di piccole cose di una piccola città ci siamo ritrovati, (io e gli altri amici che supportano il nostro consigliere comunale nella scrittura dei testi da presentare in consiglio), a proporre una mozione sulla trasparenza degli aiuti agli stranieri, immigrati, rifugiati politici, presenti sul territorio di Como.

Lo scopo è quello di ottenere una buona informazione che faccia piazza pulita delle fantastiche leggende metropolitane che vorrebbero alcune persone in condizioni di disagio favorite rispetto ad altre, ed eventualmente scoprire se vi sono reali abusi, e se si chi se ne avvantaggia.

Parlando spesso di piccole cose di una piccola città siamo incappati anche in una faccenduola davvero importante: le fondamenta della convivenza civile in una società aperta al mondo.

La strage commessa a Parigi da un mazzo di assassini invasati è, oltre che un fatto tragico e gravissimo, una mina per la convivenza tra popoli.

Lo scandalo “Roma Capitale” già finito in trafiletti più piccoli delle interessantissime vicissitudini mediche del Marò, è un fatto estrema gravità, la sua progressiva rimozione dai media maggiori testimonia quanto poco stia a cuore ai potenti la pace sociale e la convivenza civile.

Niente va lasciato intentato per raggiungere lo scopo di una società pacifica ed equa.
Permettere anche solo che si alimentino storie prive di riscontri oggettivi su qualsivoglia gruppo componente il tessuto sociale di una città significa dare una mano a tutti coloro che nella guerra, nell’odio etnico e religioso, nel razzismo tout court trovano alimento ai loro traffici.

Lo scopo del terrorismo è già nel nome: è il terrore.
Noi abbiamo, tutti quanti, (salvo i parenti delle vittime ma nessun altro escluso), il dovere imperativo di ragionare a mente lucida sul da farsi per sradicare il terrore dalla nostra vita: chi si fa terrorizzare ha già perso, chi perde il controllo ha già perso, chi spaventato gira la faccia da un’altra parte ha già perso… a vincere è il terrore e la follia omicida.

Mantenere la calma ora mentre risuonano le sirene degli allarmi per gli attentati è difficile, lo so, ma dobbiamo davvero provarci.

Ragionare a mente lucida significa anche costruire pezzo per pezzo le condizioni della nostra vera e concreta sicurezza.
Non oso pensare agli sproloqui dei teorici della guerra di civiltà in questi giorni, loro non cambieranno facilmente, meglio ignorarli.

Quello che invece non dobbiamo ignorare è il dovere di sapere cosa fanno i nostri eletti, siano governanti o amministratori di città.
Da loro dobbiamo pretendere il massimo della trasparenza.

Nei prossimi giorni dunque pretenderemo dall’Amministrazione comunale di Como di attivarsi per fornire risposte chiare nel merito degli aiuti dati alle persone… e di dare chiara e sufficiente pubblicità ai dati.

Speriamo così di contribuire a ridurre quei focolai di razzismo che covano nell’ignoranza fornendo informazioni verificate e verificabili.

Poca cosa forse, certo non ferma i pazzi armati di kalasnikov, sicuramente toglie terreno a coloro che sulle gesta dei pazzi continuano a mantenere la loro immeritata fortuna politica soffiando sulle braci dell’odio… e  poi …
e poi chissa…

Seguite i lavori del consiglio comunale e del vostro consigliere Luca Ceruti, è un bel modo per fare Como a cinque stelle!

fulvio

  • Mozione “TRASPARENZA VERSO I CITTADINI IN MERITO AGLI AIUTI MATERIALI ED ECONOMICI FORNITI ALLE PERSONE DI NAZIONALITÀ STRANIERA RESIDENTI OD OSPITATE SUL TERRITORIO COMUNALE” MOZIONE_cittadini stranieri

I commenti sono bloccati.