Divide et impera

Divide et impera

La manifestazione romana della Lega Nord di sabato 28 febbraio (5000 partecipanti, 4000 poliziotti in servizio a presidiare, una folla di giornalisti e TV), ha mostrato a tutta l’Italia la vera faccia del corso impresso da Matteo Salvini al suo partito da sempre in odore di simpatie fasciste.

La presenza sul palco e tra la folla di molte associazioni di estrema destra è stata massiccia.
Ora chiedo a tutti voi di dare la massima pubblicità alla presenza sul palco di un rappresentante di Casa Pound affinché si fughi ogni dubbio su chi realmente siano i nuovi fascisti in Italia.

Con un’abile manovra, vecchia di almeno 2200 anni ma sempre funzionante, gli organi di stampa controllati dal PD più o meno L avevano strumentalizzato alcune battute di Beppe Grillo colte per la strada in presenza di ragazzi di Casa Pound per spargere l’idea che il Movimento Cinque Stelle fosse un’associazione vicina agli ambienti dell’estrema destra.

Ragazzi molto giovani e attivi nei movimenti di sinistra mi hanno spesso contestato la presunta amicizia coi fascisti del Movimento Cinque Stelle!
Addirittura alle celebrazioni del 25 Aprile scorso sono stato personalmente aggredito verbalmente da ragazzi molto giovani che mi hanno bollato come “amico di Casa Pound”.
I quell’occasione mi sono limitato a spiegare che così non era e ad invitarli a informarsi meglio.

Divede et impera: davanti alla possibile coalizione di forze sane del Paese, potenzialmente pericolose per il mantenimento dello status quo del “patto del Nazareno” si deve far di tutto per tenerle separate, e un buon metodo è sempre quello di spargere falsità sugli avversari!

Spero che molti ragazzi distratti dall’avvicinarsi al Movimento dall’abile campagna di menzogne che lo avrebbe voluto “amico di Casa Pound” adesso facciano una seria riflessione.
E sopratutto in futuro evitino di cascare nella rete delle chiacchiere sparse a piene mani dai maggiori Mass Media, guarda caso tutti controllati dai soliti potenti e privilegiati dell’attuale sistema, rete fatta apposta per dividere in tanti gruppetti innocui un fronte rivoluzionario.
Solo il Movimento Cinque Stelle ha finora dimostrato di poter minare nelle sue fondamenta, antidemocratiche e immorali, quel sistema che tutte le persone di buona volontà vogliono cambiare.

Presto il consigliere comunale Luca Ceruti presenterà al Consiglio una mozione a sostegno dell’Istituto di Storia Contemporanea Pier Amato Peretta di Como, istituzione culturale di matrice chiaramente antifascista che attualmente versa in uno stato di necessità di aiuti economici e istituzionali per meglio svolgere il suo compito di depositaria di memorie.

Molte persone si bevono tutto quello che passano i grandi Media perché non hanno accesso a internet. Utilizzando i vostri smartphone potete aprire gli occhi a molte persone… fatelo!
Distruggiamo le menzogne, mostriamo a tutti chi sono i veri amici dell’ultra destra!

I commenti sono bloccati.