Italia, il Paese delle…. PROROGHE

Dopo la stangata da €1.264.340,89.(+50% di aumento) del contributo alla finanza pubblica per l’anno 2015 apprendiamo che l’instabilità costante che affligge il nostro Paese, male ben peggiore della corruzione e della burocrazia, si riconferma:

“…le incertezze sulle risorse a disposizione, unite al mancato rifinanziamento del fondo di 625 milioni necessario a calmierare le aliquote Tasi anche per il 2015, stanno trascinando il termine per l’approvazione dei preventivi verso l’ennesima proroga: dal 31 marzo al 30 giugno …”  (da ItaliaOggi 10.03.15)

Questo è lo scenario che si prospetta ai nostri Sindaci ed agli Assessori al Bilancio: SPESE “maggiori” CERTE ed ENTRATE mai confermate, con ritardi IMBARAZZANTI.

Imbarazzante, si, il termine giusto, quasi rasente alla vergogna, il giusto stato d’animo che si prova a confrontarsi con tematiche che riguardano la finanza pubblica.
Andamento finanziario che con gli anni si è sempre più trasformato in una rassegnazione racchiusa nella frase “…in Italia funziona così…”.

Il nostro Premier Matteo Renzi (ex Sindaco di Firenze) denominato anche il Rottamatore (NdA rottamatore dei cittadini, perché non ha ancora rottamato nulla nella politica), nonché attento e vicino alle grosse problematiche degli Enti Locali, come mai conferma questo andamento imbarazzante delle finanze?
Come mai il nostro Sindaco Mario e la maggior parte dei Sindaci italiani, rappresentati dal presidente ANCI, Fassino, sindaco di Torino, non battono ciglio in presenza di questi scempi finanziari?

Proponiamo una risposta anch’essa imbarazzante, ve la forniamo come spunto riflessivo:
La maggior parte dei Sindaci italiani sono tesserati PD proprio come lo stesso schieramento del nostro Governo, e proprio come la linea tenuta dal presidente ANCI colgono e tutelano tutto ciò che cade dall’alto del “loro grandioso” Governo. Quindi invece di fare gli interessi dei propri cittadini, i sindaci si preoccupano di far assorbire il tutto come una spugna …

TUTTO CIO’ è vergognoso…

Di fronte a questo ennesimo silenzio, riteniamo di essere indignati della situazione in cui versa la gestione del nostro Paese e di conseguenza del nostro comune.

E’ inaccettabile che una previsione di Bilancio avvenga a metà anno, cosa si prevede, se già si conosce l’andamento delle spese fino a quella data?!!!
Ci si era impegnati con ODG e emendamenti per fare i previsionali in tempi ragionevoli.. tutto stravolto!!!

Quindi rinnoviamo la nostra “proposta”:

Mario… Assessori… fatevi invitare a cena, raccontate Vis-à-vis ai cittadini comaschi il vostro imbarazzo quotidiano… confessatevi con loro…

Siamo sicuri che i cittadini vi capiranno quando direte loro che certe cose non le potete dire in pubblico perchè andreste contro il vostro PARTITO DEMOCRATICO

uscite fuori dall’imbarazzo, noi vi aiuteremo!

con affetto
il #M5SCOMO

Luca Ceruti

Portavoce Movimento 5 Stelle COMO

p.s. riportiamo la conclusione dell’articolo ItaliaOggi non proprio un giornale grillino

“…A voler essere maligni, però, si potrebbe sospettare che anche a Roma ci sia un problema di cassa. Quest’anno, infatti, la dotazione del fondo di solidarietà comunale è pressoché interamente garantita dagli stessi comuni con la quota di Imu che sarà trattenuta alla fonte dall’Agenzia delle Entrate a partire dai riversamenti della prima rata. Lo Stato, in pratica, non ci mette un euro in più. Forse, perché non ce l’ha…

CORAGGIO MARIO, FUORI TUTTO…

link: ITALIA OGGI

About Luca Ceruti (431 Articles)
Ex Consigliere Comunale Comune di Como

I commenti sono bloccati.