Sfiducia Lucini, la pensiamo così

Signor Sindaco,
A dar retta alle accuse formulate dalla Procura della Repubblica contro questo modo di amministrare la città, che ha coinvolto dirigenti comunali c’è da vergognarsi, noi al posto suo ci vergogneremmo…

Infatti dalla lettura dei capi d’accusa firmati dalla Procura, quasi emerge che in certi uffici, i più importanti del comune di Como, sembra quasi essere la normalità, quella di operare in un vago clima di superficialità, faciloneria, incompetenza, “sistemazione”.
Secondo quanto lascia intendere la Procura della Repubblica, sembrano emergere situazioni e un clima che tra le scrivanie sembra scivolare nel criminale, semplicemente come qualcosa che accade, proprio perché certo modo di fare, sembra quasi rientrare nella normalità, nella consuetudine nell’ormai radicato modo di fare il lavoro d’ufficio. Si fa così, si aggiusta tutto… E’ incredibile!

Signor Sindaco,
questa serie di fatti additati dalla Procura della Repubblica, appaiono gravissimi perché oltre alla legalità degli atti, tolgono la fiducia verso di Lei e della sua Giunta.
E fatto ancora più grave, incrinano la fiducia dei cittadini nell’Istituzione Comunale

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/como-citta/il-pm-chiama-in-causa-il-sindaco-gravi-violazioni-coperte-per-anni_1185944_11/

Forse parte forse tutte, queste preoccupanti note d’ imputazioni, in sede di giudizio verranno ridimensionate, gli imputati ne usciranno assolti magari perché “il fatto non sussiste” e il tutto verrà ridefinito come una sequela di atti amministrativi mal concepiti, o se illegittimi, senza rilevanza penale. Forse andrà così. Forse.

Ma il danno economico??? quello di sicuro c’è! Lo vediamo tutti.
Non serve attendere il giudice e neppure la sentenza finale per saperlo.
Il danno economico che fine farà?
Verrà caricato sulle spalle del solito pantalone che paga le tasse?
Magari la Corte dei Conti non verrà a perseguire, per danno erariale, una cinquantina di consiglieri comunali che con il loro operato non certo glorioso, non hanno saputo vigilare quanto serviva.
Ma io, signor Sindaco, mi sento offeso e questo Lei non lo può cancellare.
Mi sento per davvero offeso nella mia dignità di persona, perché oggi mi trovo a far parte di un Consiglio Comunale che Lei con la Maggioranza a braccetto avete clamorosamente condotto alla discarica del discredito.

E’ ben conosciuto il fatto folkloristico, fantasioso, per cui i grillini vengono, dipinti come acerbi, vagamente impreparati o incompetenti, così sono dipinti in casa PD o dagli amici giornalai, di sinistra o di destra. Si ignora, si deride…

Eppure in realtà è vero, che certo olezzo lo avevamo avvertito da tempo.
Lo avevamo avvertito a tal punto che l’anno scorso lo abbiamo segnalato questo sentore, questo olezzo, lo abbiamo segnalato, alla stessa Procura della Repubblica con un esposto.

Signor Sindaco,
se certo puzzo lo abbiamo sentito noi, noi che ci considerate incompetenti e ignoranti.
Come mai Lei, attorniato da collaboratori illuminati, non ha percepito certe anomalie di Palazzo? Proprio non si è mai accorto di nulla?

Vero o non vero che Lei era ed è colui che deve vigilare e controllare?
Perché in quale altro modo dovreste configurare il vostro impegno lei e la sua Giunta?
A cosa servite altrimenti?
A cosa servite, se non a governare e controllare l’operato della macchina burocratica?

Dobbiamo credere quello che ormai quasi tutti sussurrano in città?
non è il suo mestiere…
che Lei non non ha gli “attributi” che servono per fare il Sindaco, non ci è “tagliato” .

Quindi non insista, se ne vada, raccolga la sua, già percossa dignità, se ne vada,
Lo suggeriamo per lei, altrimenti in città incominceranno a bisbigliare malamente Cominceranno a mettere in dubbio anche la buona fede di Lucini!
Lei di certo conosce come sa diventare cattiva la gente che si sente tradita
Come può diventare dopo aver concesso fiducia illimitata!!

Lei lo sa poi che non basta mai, perché è facile prevedere quello che a breve potrebbe succedere…
I primi “giustizieri” saranno proprio i “Suoi” colleghi di cordata!

Già oggi li percepiamo alla disperata ricerca di tempo per riaversi,
Ma anche di un capro espiatorio!
Mi creda: saranno loro che la faranno cadere… al momento per loro più opportuno.

Una caduta molto più rovinosa di come accadrebbe se stasera desse le dimissioni, quando ancora l’immagine del dott. Lucini Sindaco conserva l’immagine di persona per bene che si è affidato alle persone sbagliate. Anche se persone che lei a scelto!

Se stasera non si dimette, perde un occasione di prendere le distanze per scindere le proprie, dalle altrui responsabilità già illuminate nelle investigazioni.
Se lei rimane, gioca il ruolo del “coperta” …
… E rimarrà a coprire un cesto colmo di serpenti e vipere.

Adesso questa città ha bisogno di aria nuova e di pulizia, se lei e la sua Giunta non vi fate da parte, non sarà possibile cominciare e impedirete ogni rinnovamento!
Non vi è stato il cambio di passo e non ci sarà da qui alla fine del mandato.

Potrà essere fatale continuare questa discesa nella fogna di palazzo Cernezzi…

Per salvarvi il posto, è destino che avrete la tentazione di sperimentare altro di esagerare e questa città pagherà nuovamente a caro prezzo…
la ricerca del colpo gobbo è pericolosa!

Caro Signor Mario Lucini (Sindaco pro tempore), carissimi membri della Giunta, stimati partiti tutti, restituite il potere a chi veramente ce l’ha, ridatelo agli elettori.
Sperate in un loro generoso perdono, pur se certe vostre costosissime cazzate, non le dimenticherà nessuno!

Noi cittadini di Como non ci dimenticheremo di chi non ha saputo risolvere questo guaio.
Noi cittadini di Como non ci siamo dimenticati di chi questo guaio lo ha creato, per poi lasciarlo irrisolto e in eredità!

L’elettorato non dimenticherà chi è stato indicato come incompetente ed ignorante o acerbo, ma con i fatti ha dimostrato l’esatto contrario!

L’elettorato saprà davvero scegliere meglio, come ha fatto in tante città in Italia.
Dentro l’urna, l’elettorato vedrà nel Movimento 5 Stelle la sola possibile di scelta per un futuro di trasparenza e onestà.

Di quel FUTURO tutto maiuscolo,
che non lascia nessuno spazio per la maggior parte di voi.
Di un futuro che ha bisogno aria fresca! di un vento di vero cambiamento.

Luca Ceruti

portavoce Movimento 5 Stelle COMO

About Luca Ceruti (431 Articles)
Ex Consigliere Comunale Comune di Como

I commenti sono bloccati.